Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Prodotti derivati da cereali integrali

Dovremmo limitare l’utilizzo ai prodotti derivati dai cereali integrali lavorati a partire da farina integrale:

Pane integrale non lievitato o pane azzimo

azzimoE’ costituito dalla semplice farina con aggiunta di acqua, inpastato e cotto al forno oppure spianato come una sfoglia e cotto su pietra rovente o padella.

Una semplice ricetta:

 

Pane integrale lievitato

pane inrliev

E’ prodotto dalla lavorazione di acqua, farina e lievito. Il lievito pu? essere naturale (pasta madre) o “artificiale” (lievito di birra).

Nel lievito madre troviamo dei microscopici funghi unicellulari (Saccharomyces cerevisiae) che si formano nell’impasto in modo naturale, dopo circa due settimane alla temperatura di 25?C circa.

Il lievito di birra ? prodotto per coltivazione industriale degli stessi microrganismi.

Il risultato finale ? un rigonfiamento della pasta dovuto ai processi fermentativi.

Esistono inoltre altre sostanze chimiche ad azione lievitante, quali l’acido citrico, l’acido tartarico, il cremor tartaro (bitartrato di potassio), tratrato monopotassico ed altri, che hanno azione lievitante per svilupo di anidride carbonica.

 

E’ consigliato un uso parsimonioso del pane lievitato, soprattutto per quei soggetti ceh avvertono reazioni avverse, gonfiori e fermentazioni intestinali, poich? i processi fermentativi, sia naturali sia artificiali o chimici, possono creare scorie acide nell’organismo.

Un uso moderato ? consentito soprattutto a chi fa attivit? fisica.

Bisogna fare attenzione al pane cosidetto integrale venduto nei panifici “normali” e quello veramente integrale commercializzato nei negozi di alimentazione naturale e biologica o in panifici specializzati.

Nei primi viene utilizzata spesso farina bianca tipo 00 con aggiunta posticcia di crusca (solo lo strato pi? superficiale) per conferire il tipico “aspetto integrale”. Nei secondi vengono utilizzate farine integrali complete di tutto.

Altro consiglio riguarda i crackers, grissini e prodotti da forno di vario tipo, facciamo attenzione alla presenza abbondante di sale, zucchero,? lievito e grassi idrogenati ed altri ingredienti che fanno di questi prodotti cibi da evitare o utilizzare con parsimonia.

 

Pasta integrale

pasta-integraleLa pasta integrale viene prodotta con acqua e farina integrale, meglio se biologica, eventualmente setacciata per ridurre la percentuale di crusca (che in eccesso pu? pregiudicare la tenuta dell’iompasto durante lo stampo e la trafilatura).

Il cereale pi? utilizzato, sia a livello industriale, sia a livello domestico, ? il frumento di grano duro, per la sua ottima tenuta nella cottura.

Oggi troviamo in commercio anche paste di farro, grano kamut, riso, mais, avena ottime alternative a quelle di grano duro.

 

Share, , Google Plus, Pinterest,

Lascia un commento